“Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi.” (Giovanni 17,11b-19).

La conclusione della preghiera di Gesù al Padre che ieri abbiamo ascoltato, oggi ci accompagna nella meta spirituale più importante.

Sono le parole che riecheggiano nella nostra dimensione di vita spirituale. Gesù chiede al Padre di custodirci nel suo nome per essere unità nel Signore della vita.

Nella unità si ricapitola la redenzione di Gesù. Siamo chiamati tutti ad unità nel suo nome per l’intera nostra vita. E questo per preservare la gioia e la pace, dimensioni della vita che sono le mete del nostro cammino umano e spirituale.

Ed ancora Gesù prega il Padre affinché siamo liberati dalle forze del male, del maligno.

E per essere redenti in D-o dobbiamo accogliere la verità del cammino di Cristo, ovvero scegliere di credere in Lui, perché l’amore é la cifra unica che esprime la nostra natura umana. Noi scegliamo Gesù, nel Padre e nello Spirito, perché in Lui c’è l’amore misericordioso, unica ragione di vita.