“Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo.” Luca 5,33-39).

Gesù è venuto a proporre una svolta nel cammino di fede della gente del suo tempo. E a noi oggi chiede lo stesso: una svolta e una conversione. È questo il messaggio evangelico che ci viene narrato oggi.

Di fronte a quanto Gesù ha fatto in Galilea e in Giudea, gli scribi e i farisei chiedono ragione a Gesù del fatto che i discepoli non rispettano le regole del digiuno. Ricordano a Gesù l’insegnamento di Giovanni e i precetti che scaturiscono dalla tradizione.

Gesù difende i suoi discepoli e rilancia. Il suo messaggio è per il cambiamento e non per mettere una toppa su un vestito vecchio. C’è una radicalità del messaggio di Gesù che chiede rinnovamento e conversione interiore, per riconoscere il Signore con gesti e con azioni nuove.

Il messaggio che ci viene dall’Evangelo ci fa scoprire così che il Padre, il Signore della vita, si fa presente attraverso il dono di un amore gratuito, fraterno e gioioso. Per questo ci viene chiesto oggi di vestire un abito nuovo.