“Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».” (Matteo 9,32-38).

L’Evangelo ci racconta che Gesù ha attraversato città e villaggi ed ha guarito tante persone. Ha guarito un muto indemoniato. Lo ha risanata dall’incubo di un male a volte imperscrutabile.

Eppure non é stato capito dai capi religiosi. Anzi è stato accusato di essere ispirato dal principe dei demoni. La gente invece è stupita. Non é facile nemmeno fare del bene perché anche questo é oggetto di giudizio e non di lode e di grazia al Buon D-o.

Gesù non solo si accorge che c’è tanto bene da fare ma anche che la gente è stanca e oppressa. Ha bisogno di ristoro. Mancano gli operai che aiutino a sostenere la fatica e la poca speranza della gente. E allora Gesù chiede ai discepoli di pregare.

Anche noi d fronte all’impotenza dobbiamo chiedere aiuto al Signore. Dobbiamo pregare affinché ci sostenga, ci dia coraggio, ci aiuti a non demordere.