“Io vi dico infatti: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.”

Che cos’è la giustizia, che cos’è giusto? Ciò che é giusto é dovuto dal diritto e dalla ragione. É questo il significato etimologico di giustizia. Ed é giusto perché dovuto all’altro da noi.

Gesù introduce il tema della giustizia nel senso di virtù che deve essere diversa da quella degli scribi e dei farisei, perché non é un qualcosa di diritto dell’altro ma perché ha dei limiti legati ad un interesse nostro.

Se é vero che bisogna rispettare la Legge mosaica, i suoi precetti, l’insegnamento dei Profeti, dall’altro la giustizia che Gesù insegna chiede un salto di qualità, un andare oltre.

L’insegnamento di Gesù trova il centro nell’amore misericordioso di D-o. E se D-o é misericordioso noi dobbiamo esserlo altrettanto, non solo per giustizia ma nella verità.

Gli esempi che Gesù ci presenta nell’Evangelo sono semplici e richiedono uno sforzo e un cammino costante.

Gesù addirittura ci invita a lasciare l’offerta pur di riconciliarci con il fratello. E questo non basterà mai a farci capire quanto é importante sia essere giusti e imitare l’amore di D-o.