Luca 21, 34-36

In quel tempo. Il Signore Gesù diceva ai suoi discepoli: «State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

Il Vangelo di oggi ci porta un messaggio forte e chiaro.
Bisogna scegliere lo stile con cui si vive la propria vita. Se ci si abbandona unicamente ai piaceri e ai vizi, se ci si preoccupa solo della vita terrena, senza prepararsi anche per la vita eterna, la morte arriverà e ci troverà impreparati.

Due sono le cose da fare: “vegliare e pregare”, così ci dice il Vangelo.
Perché la morte può far paura e spesso si pensa di poterla “ingannare” non prestandoci attenzione. Ma è preparandosi alla vita, all’incontro con Dio nella vita eterna che si riesce a rendere meno pesante il senso della morte.
“come un laccio si abbatterà sopra tutti”. La morte è inevitabile, ma è nella fede in Cristo che si può trovare la forza di superarla, con la speranza della vita eterna.

– Con che cosa appesantisco ogni giorno il mio cuore?
– Riesce la fede a darmi la forza di superare le difficoltà quotidiane?

Preghiera: adoro il lunedì
Ti prego Gesù,
fa che con la tua grazia io non mi stanchi mai
di cercarti e di adorarti con tutto il cuore.
Insegnami a conoscerti e ad amarti
per imparare da Te
ad incontrare e prendermi cura degli altri
e a vivere in pienezza la mia vita.
Fà che il mio cuore non si inorgoglisca,
non cerchi cose più grandi delle mie forze;
fà che si apra al mondo con il Tuo sguardo
di compassione e misericordia
e che nel mio cuore trovino eco le gioie e le speranze,
le tristezze e le angosce di tutti,
dei poveri soprattutto e che
sappia anche partecipare con ciò che sono
a portare un po’ di Cielo in terra.
Affido a te, Maria,
tutta l’associazione,
in particolare i ragazzi e i giovani,
affinchè ci accompagni,
ciascuno con la propria vocazione,
in un cammino che non abbia paura
di fidarsi ed affidarsi a Gesù,
ma che tenda verso l’alto
e che profumi di santità,
per la gioia del mondo intero.
Maria, Madre della Chiesa, prega per noi
Santi e Beati dell’Azione Cattolica, pregate per noi