Matteo 16, 13-19

“E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa..”

 

È questa la dichiarazione che Gesù pubblicamente fa a Pietro dopo che lo aveva riconosciuto come il Cristo.
È interessante, per me, ricercare quali siano le caratteristiche di Pietro e della sua storia, per provare a immaginare quali sono i tratti che lo rendono il prescelto a questo compito.

Anzitutto, di lui viene esplicitato che sarà simbolicamente una pietra, una base sicura su cui poter costruire altro, progetti molto alti!
L’immagine della roccia adatta alla costruzione mi ricorda la parabola della casa costruita sulla roccia, che è l’immagine dell’uomo che ascolta la Parola di Gesù e la mette in pratica.
È una bella somiglianza da custodire: quella del discepolo e del maestro..

Eppure sappiamo, e anche Gesù lo sa bene, che Pietro non si dimostrerà sempre così saldo; in alcuni momenti di incomprensione del ministero doloroso di Gesù, e soprattutto al momento del rinnegamento a Gerusalemme.
Questo mi dà da pensare che non siano l’integrità a ogni costo, l’assenza di dubbi o “l’imbattibilità” di una fede le qualità che Gesù ha scelto davvero in Pietro.

È vero: Pietro ha riconosciuto e fatto risuonare una grande verità, che Gesù è il Figlio del Dio vivente, ma nel Vangelo viene anche detto: “nè carne nè sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli.”
Leggo questi versetti come a dire: non sono l’intelletto e la comprensione umana i sensi con cui cogliere la vera identità di Gesù, nemmeno il sangue e la carne, non è legato a qualcosa di corporeo.
Penso si tratti piuttosto di un’esperienza, che in certi momenti della vita si può accogliere con più entusiasmo e in altri meno (proprio come accade a Pietro), è la rivelazione del Signore, la sua Parola, suoi discorsi, il dialogo ricercato, i segni.

 

Resto, allora, in ascolto della tua Parola, Signore, la via più autentica per provare a vivere una fede salda.
Fammi strumento del tuo Amore, costruendo, attraverso il mio quotidiano, frammenti della tua Chiesa.