“In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena».” (Giovanni 15,9-11).
In queste poche righe dell’Evangelo di Giovanni, Gesù ribadisce il significato del rimanere in Lui ed il senso della sua presenza.
Tutto ha origine dall’amore del Padre, dell’Altissimo, che sin dalla Creazione ha aperto ai noi la possibilità di essere amati. Gesù ci dice che nell’amore del Padre trae origine tutta la missione, tutta la resurrezione.
Essere amati e amare sono le parole chiavi per capire il senso della nostra vita.
I comandamenti vengono osservati per dare senso alla nostra vita, ad una vita che è circondata dall’amore di D-o.
E se questo ancora non bastasse a farci capire il senso del nostro vivere, Gesù ci ricorda che l’amore é per la gioia e non per la tristezza. Non una gioia passeggera, ma una gioia piena.
La ricerca quotidiana d’amore D-o, il prossimo e la Creazione, dà senso ad ogni nostra azione. Non ci resta che passare dalle parole ai fatti.