“Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato.” (Marco 16,15-18).

La conversione di San Paolo cade all’inizio del periodo del tempo ordinario. Sembra quasi ricordarci che, nonostante tutto, per tutti é possibile la conversione, anche per coloro che sono più ostinati, come in fondo lo é stato Paolo, profeta delle genti.

Le ultime parole tratte dall’Evangelo di Marco dicono il programma dei credenti in Gesù: andare e proclamare la bellezza dell’Evangelo ad ogni creatura.

Che cosa significa per noi oggi proclamare L’Evangelo?

Annunciare l’Evangelo significa vivere e testimoniare la Parola nella nostra vita quotidiana e condividere questo con altre sorelle e fratelli nella comunità. É questa la svolta che Paolo ci ha trasmesso con grande profezia dopo la sua conversione.

Il cammino di conversione di Paolo raccontato negli Atti (22,3-16) é segnato da alcuni passaggi forti. La fede é frutto di un percorso, di una ricerca, di una scelta che trova terreno fertile nella nostra disponibilità ad accogliere e riconoscere la presenza del Signore in noi e per questo annunciarla al mondo.