Nessuno mette un pezzo di stoffa grezza su un vestito vecchio, perché il rattoppo porta via qualcosa dal vestito e lo strappo diventa peggiore.” (Matteo 9,14-17).

#unnuovoprogetto #perchèdigiunare #rinnovamento #cambiamento

La questione del digiuno prevista dai precetti é oggetto di un interrogativo da parte dei discepoli di Giovanni: “Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?”

Gesù in modo netto e chiaro precisa ai suoi interlocutori che per i discepoli questo é un tempo di nozze. É un progetto di vita nuovo quello che stanno vivendo.

Non si può rattoppare un vestito vecchio con qualcosa di nuovo e nemmeno usare otri vecchi per versare vino nuovo. Il rischio é di perdere tutto. Ci sarà il tempo giusto.

Colpiscono queste affermazioni di Gesù non tanto perché sono una difesa verso i comportamenti dei discepoli e anche perché delineano già un progetto nuovo di fede.

Piuttosto perché ci rappresentano che bisogna conservare ciò che di buono è frutto del cammino fatto ma che bisogna essere capaci di trovare un rilancio nuovo guardando al futuro.

Questo Evangelo interpella noi oggi. Dobbiamo avere il coraggio di cambiare prospettiva e di annunciare la lieta notizia non dentro le nostre canoniche ma lungo le strade della vita.

Articolo precedente01/07/2022 – Sant’Aronne
Articolo successivo02/07/2022 – Sabato della 3ª Settimana dopo Pentecoste