“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.»”. (Matteo 7,21.24-27)

Nel nostro cammino di Avvento scopriamo che la Parola ci illumina e ci apre la strada alla scoperta della presenza del Signore nella nostra vita. Il regno dei cieli è presente in mezzo a noi a certe condizioni. É una questione di stile.

C’è infatti uno stile che ci deve contraddistinguere come credenti credibili: essere persone sagge. La saggezza è meditativa, non è superficiale, si ancora su fondamenta, trova radici feconde nel discernimento e nella condivisione.

Nella parabola di Gesù scopriamo lo stile dell’uomo saggio che costruisce la propria casa nella roccia e non nella sabbia.

La roccia della saggezza è data dall’ascoltare la Parola con dedizione e costanza. La Parola trova la sua forza se siamo capaci di metterla in pratica. Questa é la sfida vera per ogni credente: coniugare la Parola alla Vita e la Vita alla Parola.

Articolo precedente01/12/2021 – Mercoledì della 1ª Settimana di Avvento
Articolo successivo02/12/2021 – Giovedì della 3ª Settimana di Avvento