Luca 17,7-10

In quel tempo, Gesù disse: “Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà quando rientra dal campo: Vieni subito e mettiti a tavola? Non gli dirà piuttosto: Preparami da mangiare, rimboccati la veste e servimi, finché io abbia mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai anche tu? Si riterrà obbligato verso il suo servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”.

Pensando al tema del “sentirmi utile”, mi viene innanzitutto da riflettere su quanto la mia giornata sia piena di impegni, riunioni, incontri che danno un po’ la misura dell’efficacia di quello che faccio, delle capacità che vengono messe il più possibile a frutto, del sentirmi amato in relazione a quanto valgo.

Il brano di oggi capovolge questa visione: parla di una follia della gratuità, della libertà di fare e vivere una situazione senza aspettarmi un ritorno, della bellezza di una scelta semplicemente perché ha senso compierla.

Il servizio quotidiano, quindi, è un dare vita e un donarsi nell’amore, in maniera totalmente libera, senza pretese e rendiconti: la figura di questo servo mi ricorda proprio di non attendere una riconoscenza o riconoscimenti in quello per cui mi spendo nell’ordinario, ma di mettere in atto una profonda disponibilità e autonomia che mi aiuti a vivere la mia relazione con gli altri e con Dio.

Accogliendo queste parole il canale da seguire, dunque, non è tanto quello della performance, quanto quello del contemplare la vita nella gioia del dono.

– “Non c’è tempo da perdere”: che cosa dice questa frase alla mia vita?
– Chi/Che cosa mi aiuta a vivere “come un servo inutile”?
– Quali imprevisti/cose non scelte mi fanno uscire dalla logica di valere agli occhi dell’altro principalmente per quello che faccio?

Conosce il Signore la vita dei buoni,
la loro eredità durerà per sempre.
Il Signore fa sicuri i passi dell’uomo
e segue con amore il suo cammino (Salmo 36)