“Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.” (Luca 11,1-26).

Gesù scaccia un demonio e subito viene accusato di esercitare questi segni con lo spirito di Beelzebùl, il capo dei demoni. É questa una accusa infamante e senso senso.

E per superare questo giudizio a Gesù viene chiesto di dimostrare con dei segni il suo insegnamento.

Di fronte a queste pretese Gesù spiega che il suo compito é quello di creare unità e non di dividere. Il male, Satana, é capace solo di dividere.

Di questo passo evangelico ci colpisce la determinazione di Gesù di combattere il male sino in fondo, di non farsi intimorire da giudizi che non trovano fondamento.

Stare con Gesù, vivere per il Signore, significa abbandonare totalmente la via del male. L’uomo deve cercare questa via per scegliere il bene. Gesù ci indica che c’è uno spartiacque nel nostro cammino di fede. Il nostro impegno di credenti è quello di scegliere la via del bene che sola porta a D-o.