Marco 11, 27-33
In quel tempo. Il Signore Gesù e i suoi discepoli andarono di nuovo a Gerusalemme. E, mentre Gesù camminava nel tempio, vennero da lui i capi dei sacerdoti, gli scribi e gli anziani e gli dissero: «Con quale autorità fai queste cose? O chi ti ha dato l’autorità di farle?». Ma Gesù disse loro: «Vi farò una sola domanda. Se mi rispondete, vi dirò con quale autorità faccio questo. Il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini? Rispondetemi». Essi discutevano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, risponderà: “Perché allora non gli avete creduto?”. Diciamo dunque: “Dagli uomini”?». Ma temevano la folla, perché tutti ritenevano che Giovanni fosse veramente un profeta. Rispondendo a Gesù dissero: «Non lo sappiamo». E Gesù disse loro: «Neanche io vi dico con quale autorità faccio queste cose».

Gesù con la sua predicazione inizia a raccogliere intorno a sé molte persone e questo attira l’attenzione, e il fastidio, dei capi dei sacerdoti, degli scribi e degli anziani, i personaggi più in vista, e che sono interessati a mantenere inalterato il proprio potere. 

Queste persone allora cercano di mettere in difficoltà Gesù, ma egli, come spesso accade, ribalta la situazione ed è lui stesso a porre loro una domanda, mettendoli così in difficoltà. Allo stesso tempo, Gesù rimette in mano loro la possibilità di scegliere se aprirsi a conoscerlo o sottrarsi a lui. La loro risposta sfuggente “non lo sappiamo” è il modo per non accettare l’invito di Gesù e così chiudere le porte alla verità. 

Marco ci dice, quindi, che la luce del Signore è lì, accesa, ma sta a noi scegliere se seguirla o voltarci dalla parte opposta. 
E noi, quante volte non abbiamo voluto vedere la luce del Signore?

Preghiamo il Signore perché ci doni il coraggio di accettare il suo invito così da poter riconoscere la luce che Egli accende nella nostra vita ogni giorno.  


Dio, che in principio dicesti: “sia la luce”
fa’ che i miei occhi esultino per tutte le cose belle
fa’ che ogni persona accolga e veda la Tua luce
fa’ che la luce del Tuo Vangelo percorra tutta la terra
fa’ di noi la luce del mondo.