“Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.  Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe …” (Matteo 1,1-17).

Che cosa vuole dirci l’Evangelo di Matteo presentandoci la genealogia di Gesù?

Al di là della lunga sequenza di tanti nomi maschili e pochi nomi femminili, scopriamo il numero quattordici moltiplicato nei tre periodi della storia del popolo d’Israele.

É questo racconto il riferimento ad una storia millenaria che ha come punto di riferimento Abramo il primo degli antichi padri ad aver scelto il Signore come unico D-o, del cielo e della terra.

Matteo ci ricorda, se mai non ce lo ricordassimo, che la genealogia di Gesù racchiude una storia di popolo che si è aperta attraverso la manifestazione di Gesù, il figlio del D-o vivente, alle moltitudini di tutti coloro che cercato la presenza del Signore.

Ma questa genealogia che sembra essere incentrata sulle figure maschili di questo lungo cammino, non ci deve trarre in inganno. La genealogia è una storia al femminile perché le molte donne non citate dal testo sono  quelle che hanno donato accogliendo in grembo la vita.

Sì, questo é l’Evangelo della vita di cui Gesù è il protagonista finale, fin dai tempi pensati dal D-o della vita, é una nuova Creazione!

Accogliamo la vita in ogni sua forma e dimensione, accogliamo la dimensione della vita umana. Accogliamo sin da ora il D-o della vita in Gesù.