“E diceva loro: «Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato».” (Marco 2,23-28).

Ancora una volta i farisei contestano il comportamento dei discepoli di Gesù i quali mangiano le spighe perché hanno fame non rispettando il giorno di sabato.

É l’ennesimo rilievo teso a contestare non i suoi discepoli ma la missione di Gesù.

Il progetto di Gesù é quello di aiutare i discepoli a fare un percorso di avvicinamento alla fede, ad una fiducia che matura di giorno in giorno.

C’è ancora una volta una valutazione limitata del progetto di Gesù da parte della corrente dei farisei. Gesù infatti vuol farci capire che il modo di esprimere la fede non è fatto di ritualità ma che parte dal profondo del cuore di un credente.

Per ciascuno di noi, dunque, c’è l’impegno a coltivare un cammino di fede? La nostra fede è fatta a schemi e riti o è una fede nuda?