Ringraziamo Adelaide che in questa 6ª domenica di Pasqua ci aiuta a gustare la Parola dell’Evangelo.

“In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.

Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.

Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate». (Giovanni 14,23-29).

 

#persone #innamorate #inrelazione #affidate #accompagnate

Ci troviamo a meditare nella VI domenica del tempo di Pasqua le parole che Gesù ha confidato ai suoi nell’ultima cena. Parole di una dolcezza e di una rassicurazione disarmanti.

Il Vangelo di oggi ci consegna, infatti, una visione appassionante della vita in cui tutto ha origine nell’Amore.

Quanto ci fa bene ricordarci che il nostro essere cristiani è prima di tutto essere persone innamorate, persone che a fondamento della propria esistenza hanno posto l’Amore da cui ogni impegno deriva. E quindi, essenzialmente, siamo persone in relazione, persone che hanno scelto di affidarsi, persone accompagnate dallo Spirito Santo che tutto ci insegna e tutto ci ricorda.

Affidiamo a te Gesù i nostri timori, le nostre preoccupazioni: le affidiamo al Te che oggi ripeti a noi come dicevi ai tuoi “non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore” e ci ricordi che siamo fatti per Amare.

Articolo precedente22/05/2022 – 6ª Domenica di Pasqua
Articolo successivo23/05/2022 – S. Beda il Venerabile – S. Maria Maddalena de Pazzi