Matteo 12, 14-21
In quel tempo. I farisei uscirono e tennero consiglio contro il Signore Gesù per farlo morire. Gesù però, avendolo saputo, si allontanò di là. Molti lo seguirono ed egli li guarì tutti e impose loro di non divulgarlo, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: «Ecco il mio
servo, che io ho scelto; il mio amato, nel quale ho posto il mio compiacimento. Porrò il mio spirito sopra di lui e annuncerà alle nazioni la giustizia. Non contesterà né griderà né si udrà nelle piazze la sua voce. Non spezzerà una canna già incrinata, non spegnerà una fiamma smorta, finché non abbia fatto trionfare la giustizia; nel suo nome spereranno le nazioni».


In questo branoo mi ha molto colpito la dualità: da un lato i farisei, le autorità, che hanno deciso per la morte di Gesù, e dall’altro le persone che continuano a seguirlo pur sapendo del parere contrario delle autorità religiose.

E Gesù accoglie e guarisce tutti, tutti quelli che sono capaci di discernere senza essere dei dottori.

E questo passaggio mi provoca molta tenerezza, nell’avere ancora una volta conferma che non sono i titoli di studio a farti incontrare il Signore, ma la purezza di cuore, il discernimento vero e autentico.

E noi, siamo capaci di seguire Gesù, nonostante tutto?

SALMO 35
Nel cuore dell’empio parla il peccato, *
davanti ai suoi occhi non c’è timor di Dio. 
Poiché egli si illude con se stesso *
nel ricercare la sua colpa e detestarla.
Inique e fallaci sono le sue parole, *
rifiuta di capire, di compiere il bene.
Iniquità trama sul suo giaciglio, †
si ostina su vie non buone, *
via da sé non respinge il male.

 
Signore, la tua grazia è nel cielo, *
la tua fedeltà fino alle nubi;
la tua giustizia è come i monti più alti, †
il tuo giudizio come il grande abisso: *
uomini e bestie tu salvi, Signore.

Quanto è preziosa la tua grazia, o Dio! *
Si rifugiano gli uomini all’ombra delle tue ali, 
si saziano dell’abbondanza della tua casa *
e li disseti al torrente delle tue delizie.
E’ in te la sorgente della vita, *
alla tua luce vediamo la luce.
Concedi la tua grazia a chi ti conosce, *
la tua giustizia ai retti di cuore.
Non mi raggiunga il piede dei superbi, *
non mi disperda la mano degli empi. 
Ecco, sono caduti i malfattori, *
abbattuti, non possono rialzarsi.

 
Articolo precedente24/11/2020 – Santi Andrea Dung-Lac e compagni martiri
Articolo successivo25/11/2020 – Mercoledì della 34ª Settimana del Tempo Ordinario