קָד֧וֹשׁ קָד֛וֹשׁ קָד֖וֹשׁ יְהוָ֣ה צְבָא֑וֹת

Santo, Santo, Santo il Signore Onnipotente

(Isaia 6,3)

Natale 2020

Carissime-i,

L’augurio di Natale giunge quest’anno in modo inconsueto.

E forse proprio perché scopriamo la fragilità di questo tempo, abbiamo bisogno di scoprire la vita con una luce nuova, una luce di speranza.

Non abbiamo bisogno di parole ma della Parola. Lasciamola risuonare nel nostro cuore, nella nostra intimità.

Abbiamo scoperto che il Buon D-o si fa presente nelle cose, anzi si fa piccolo, preferisce il silenzio, l’essere muti, come Zaccaria padre di Giovanni Battista, come Giuseppe padre putativo di Gesù.

E se chiede una parola, il Buon D-o lascia dire a Maria, “eccomi”, e a Elisabetta la gioia del sussulto della vita nel suo grembo.

Accompagno questi pensieri con l’augurio di un sereno Natale di speranza e un nuovo Anno, nel quale possiamo riscoprire l’essenziale della vita, il volersi bene, l’accogliere il bene.

Lucio