Matteo 21,28-32

In quel tempo. Il Signore Gesù diceva ai capi dei sacerdoti ed agli anziani del popolo:

 

 

«Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli. Si rivolse al primo e disse: “Figlio, oggi va’ a lavorare nella vigna”. Ed egli rispose: “Non ne ho voglia”. Ma poi si pentì e vi andò. Si rivolse al secondo e disse lo stesso. Ed egli rispose: “Sì, signore”. Ma non vi andò. Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?».

 

 

Risposero: «Il primo». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: i pubblicani e le prostitute vi passano avanti nel regno di Dio. Giovanni infatti venne a voi sulla via della giustizia, e non gli avete creduto; i pubblicani e le prostitute invece gli hanno creduto. Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno
pentiti così da credergli».

#discernimento #padreEFigli #obbedienza #PadreCheAma #testimoniCredibili

Il brano di Vangelo odierno va inquadrato all’interno del Cap. 21 di Matteo e, in particolare, nei passi che lo precedono. Gesù ha terminato il suo viaggio verso Gerusalemme, ha cacciato i mercanti dal tempio e ha seccato l’albero di fico che non dava frutti. Queste azioni causano una profonda indignazione da parte delle autorità religiose che intervengono pubblicamente chiedendo a Gesù con quale autorità compia quei gesti provocatori. Ma Gesù non risponde, anzi pone loro una domanda riguardo alla missione di Giovanni il Battista: missione voluta da Dio o missione che Giovanni aveva inventato per
sé? Questo interrogativo non riceve però una risposta (Mt. 21,23-27) e allora Gesù indirizza loro tre parabole, a partire da quella che ci viene proposta oggi.

Che ve ne pare?”, introduzione che è un invito a pensare e fare discernimento, perché alla fine ci sarà un’altra domanda da parte di Gesù, che richiederà una risposta chiara e decisiva.

Nel Vangelo di oggi siamo nella situazione ordinaria di una famiglia: un padre che chiede un servizio al figlio. Siamo di fronte a un padre che ha a cuore la sua vigna ma che ha a cuore anche i suoi figli che chiama a partecipare alla sua missione. L’iniziale risposta del primo figlio è quasi irriverente ma poi si pente e va a lavorare nella vigna. Il rifiuto iniziale si trasforma in una obbedienza possibile. Il secondo, invece, dice di sì ma non lo fa, è un figlio servile, compiacente, è ancora un adolescente immaturo che si accontenta di apparire.

Cosa ci insegna questa parabola?

Ci mostra ancora una volta il vero volto di Dio che è un padre che non comanda con autorità, rimanendo distanza ma, al contrario, è un Dio che ama e vuole entrare in relazione parlando al nostro cuore. E poi è una parabola che ci invita a fare discernimento nella nostra vita, aderendo con entusiasmo alla sua proposta e vivendola con coerenza. Solo così saremo testimoni autorevoli e credibili.

Articolo precedente09/12/2022 – Venerdì della 2ª Settimana di Avvento
Articolo successivo10/12/2022 – B.V. Maria di Loreto